HOME PAGE CHI SIAMO LA STORIA MEDIA IO TI PRODOTTI SERVIZI CONTATTI
 
LA STORIA



Sono disponibili i documenti informativi dei precedenti convegni di Creactio.

Convegno 2001: italiano - english
Convegno 2002: italiano - english
Convegno 2003: italiano - english
Comunicare Gesù 2006: reportage dell'evento - feedback dei partecipanti
Comunicare Gesù 2008
Comunicare Gesù 2009



CENNI STORICI

Creactio: uno strumento per aiutare nella comunicazione dell'Evangelo

La storia insegna che Dio per far conoscere il suo pensiero, non ha mai disdegnato l'intervento e la mediazione umana con i suoi messaggi orali, scritti o stampati (es. Noè, Mosè, profeti, poeti, re, sacerdoti o semplici uomini e donne). Oggi con la quantità e la qualità dei mezzi di comunicazione, si è sconcertati dai miseri risultati ottenuti rispetto al passato: cosa impedisce dunque al messaggio dell'evangelo di diffondersi più efficacemente e capillarmente?
Un gruppo di credenti di diverse denominazioni impegnati nella diffusione dell'Evangelo e nella fondazione di nuove chiese, si sono posti delle domande per poter rispondere a questo problema. Composto da 17 persone provenienti da diverse parti d'Italia - e per la maggior parte stranieri missionari - si è incontrato per la prima volta a Besana Brianza (MI) dal 1 al 3 ottobre 2001. Tema della consultazione: "Come collaborare insieme tra credenti impegnati nella trasmissione del messaggio e chi opera per la costituzione di nuove chiese". Si sono esplorati nuovi modi di usare i media per rendere più efficace la fondazione di nuove chiese.
Col patrocinio dell'ECM International (European Christian Mission), che ha condiviso con noi la sua visione di "fondare chiese di seconda generazione in Italia entro il 2010 in collaborazione con tutto il mondo evangelico italiano", si è cercato di rispondere a domande su problemi che si dovranno affrontare nei prossimi dieci anni.

Come sarà la società, la chiesa, la politica, l'economia, i mezzi di comunicazione, e il loro uso da parte dei credenti e come agiranno i fondatori di nuove chiese nel prossimo futuro?
Quali sono i "media" attuali e quali caratteristiche hanno?
Quali sono gli utenti o i destinatari e quali i loro bisogni?

Dalla visione emersa dalla consultazione ne è scaturita la seguente visione/progetto: un'unica rete multimediale, la voce evangelica che influenza quotidianamente la popolazione italiana.

Altri due incontri hanno avuto luogo a Rimini nell'autunno del 2002 e del 2003, dove si è fatto un passo in avanti nell'esplorazione del progetto e relative riflessioni, con un maggior numero di rappresentanti. La visione di una rete multimediale (internet, radio, letteratura, musica) dovrebbe essere meglio condivisa dalle chiese che si dovrebbero sentire impegnate in un lavoro collettivo.
Esperienze passate hanno dimostrato che la cultura italiana non agevola la cooperazione; che ogni chiesa è preoccupata solo a problemi che non aiutano a cambiare in meglio; che fino ad ora non ci sono stati risultati positivi perché tutti sono troppo occupati alle loro piccole battaglie locali.
Da questa condivisa insoddisfazione, a tutti è stata chiara la necessità di un reale e fattibile obiettivo: quello di produrre un messaggio che risponda ad uno dei tanti bisogni finora evidenziati. Esso dovrà realizzarsi con un'organizzazione, un budget, una strategia, un coinvolgimento di più collaboratori e un indispensabile sostegno nella preghiera. Perciò si è riconosciuta la necessità di formare:

un gruppo direttivo a cui faccia capo questo progetto;
trovare persone interessate e disposte a collaborare per la sua realizzazione con le loro specializzazioni;
gruppi di persone sostenitrici, informate e coinvolte;
persone che informino altri sul progetto.

Un nucleo, embrione operativo, si è riunito più volte fino ad oggi per realizzare queste ultime linee. In tali incontri, caratterizzati da un ottimo spirito di condivisione e di collaborazione, è nato Creactio con il suo logo e una bozza di Statuto per dare al suddetto nucleo l'aspetto giuridico di associazione di volontariato.
INFO